^Torna Su

Esperienza Primavera - Orsoleo

ORSOLEO IN CERCA DI UN GRANDE AMICO

Abbiamo proposto ai bambini un’esperienza sensoriale a partire da una storia, il cui protagonista è Orsoleo, un simpatico orsetto che, mosso da un desiderio di affetto e amicizia, parte alla ricerca di un grande amico. Emozioni come la paura, la tristezza e la gioia, fanno da sfondo al suo viaggio di ricerca.

Dopo aver raccontato la storia ai bambini, perché potessero sentirsi loro stessi protagonisti ed entrare dentro la storia, abbiamo creato un allestimento (coinvolgendoli nella realizzazione delle scenografie) con diversi materiali, offrendo loro la possibilità di toccare, manipolare, scoprire e conoscere con tutto il corpo l’ambiente circostante.

L’educatrice Laura si è travestita da Orsoleo ed è entrata in sezione chiedendo ai bambini di aiutarlo a cercare un grande amico. Stupiti e incuriositi, alcuni si sono lasciati subito coinvolgere dal personaggio, altri sono rimasti a guardare da lontano.

Per favorire il coinvolgimento e creare un clima divertente per i più timorosi, l’educatrice Irma ha proposto ai bambini di truccarsi da Orsoleo: un tocco di pennello rosso sul nasino ed ecco tanti piccoli orsetti…

La prima ricerca si è svolta in un’ambientazione di campagna. Con lo sguardo stupito e sorridente, i bambini si sono messi subito a cercare: tra le fronde verdi, sotto i teli e i cuscini, nel tunnel… Ma del grande amico nemmeno l’ombra!

Orsoleo ha invece trovato una piccola farfalla, stanca per il lungo volare: come accade nel racconto, Sara ha invitato la farfalla a riposarsi sulla sua testa! Ai bambini è stato allora proposto di indossare delle grandi ali di farfalla (precedentemente dipinte da loro stessi) e di danzare al suono di una musica dolce e allegra… Poi, come la piccola farfalla, anche loro e Orsoleo si sono addormentati.

I bambini si sono mostrati molto entusiasti dell’esperienza, chiedendo di ripeterla e raccontando della visita di Orsoleo anche nei giorni successivi.

La seconda ricerca si è svolta nel bosco: un’ambientazione più buia (perché l’emozione che faceva da sfondo era la paura) ma arricchita da molti elementi naturali (foglie, pigne, legnetti e soprattutto tanta terra), proprio per offrire ai bambini materiali più naturali e perciò più stimolanti sensorialmente.

La penombra ha intimorito alcuni bambini, mentre altri, forti dell’aver già familiarizzato con l’Orsoleo, si sono avventurati con piacere. La piccola capanna è stata un grande punto di attrazione: i bambini si sono divertiti a entrare e uscire, gustando con divertimento i momenti in cui l’educatrice dall’esterno muoveva una torcia accesa vicino alla capanna.

La piscina piena di terra è stata molto apprezzata: soprattutto per la possibilità di un contatto a piedi nudi, oltre che manuale. I bambini hanno toccato, scavato, lanciato, “spolverato” la terra con piacere ma anche con molta concentrazione. Alcuni bambini che inizialmente non volevano entrarvi, alla fine si sono lasciati conquistare… Altri hanno continuato a giocare con la terra rimanendo fuori dalla piscina.

Invece del “grande amico” Orsoleo e i bambini hanno trovato una piccola cicala impaurita… L’hanno accarezzata per rassicurarla e, come nella storia, Mattia ha voluto metterla al sicuro dentro lo zainetto di Orsoleo!

In questo sito utilizziamo cookies, anche di terze parti. Navigando Accetti.